PRIEST FEAST: le prime foto di Testament, Megadeth, Judas Priest a Milano - 10.03.2009

Scritto da: -

judas_priest_rob_halford_metal_horns.jpg megadeth_dave_mustaine_silhouette.jpg testament_alex_skolnick.JPG
Festa doveva essere, e festa è stata. Tre band di enorme calibro, tre headliners che si sono dvisi il palco del Palasharp di Milano per l'unica data italiana del Priest Feast, tour capeggiato dai Judas Priest, preceduti da Megadeth e Testament. All killer, no filler!
Si inizia (con un po' di ritardo rispetto all'ora prevista) con i Testament, veramente infuocati, nonostante dei volumi bassissimi e non da concerto thrash metal come si vorrebbe. Nonostante questo, un Chuck Billy in gran forma e un Alex Skolnick con le dita magiche, sono riusciti a far pogare il Palasharp (bello pieno già dall'inizio) e a far godere tutti - il pubblico ha dimostrato inltre di apprezzare l'ultimo lavoro, The Formation Of Damnation, la cui title-track è proposta per ultima in scaletta e cantata a gran voce da tutti.
Dopo un velocissimo cambio palco, un Dave Mustaine iper-energico dà vita ad uno dei migliori show dei Megadeth di questi ultimi anni: potente, tirato, senza fronzoli (Dave annuncia che vuole parlare poco e suonare tanto, nell'ora a sua disposizione), molto incentrato su vecchie glorie immancabili in un live set, come Rust In Piece, Holy Wars, Peace Sells… tutta roba tiratissima, fra la quale sembra un po' stonare, a questo punto, A Tout Le Monde (non è scattata la rivincita del duetto tecnicamente imbarazzante con Cristina Scabbia, in quanto la Cantante dei Lacuna Coil è al momento in America!). Ottima prova di tutti i musicisti, Chris Broderick è ormai axeman stimatissimo!
E infine loro, gli headliner veri e propri, i Judas Priest che sostanzialmente ripropongono scenografia, setlist e atmosfere già viste al Gods Of Metal 2008, con un Rob Halford-Nostradamus veramente in forma e pronto a usare il suo screaming con grande effetto. Accanto a lui, la coppia chitarristica Glenn Tipton / KK Downing si dimostra sempre piena di classe e stile "very British", e il pubblico impazzisce, impazzisce, impazzisce… A mio avviso, una prova superiore rispetto a quella vista lo scorso Giugno al Gods, una scaletta ormai rodata che mette a proprio agio la band, per il piacere di tutti.PRIEST FEAST - live @ Palasharp, Milano, Italy
10 Marzo 2009

TESTAMENT

testament_chuck_billy.JPG testament_alex_skolnick.JPG testament_chuck.JPG testament.JPG

MEGADETH

megadeth_chris_broderick.jpg megadeth_chris_broderick_james_lomenzo.jpg megadeth_dave_mustaine_live_milano_2009.jpg megadeth_dave_mustaine_silhouette.jpg megadeth_IMG_5155.jpg megadeth_IMG_5221.jpg megadeth_IMG_5487.jpg megadeth_IMG_5545.jpg megadeth_nick_lomenzo.jpg

JUDAS PRIEST

judas_priest_downing.jpg judas_priest_glenn_tipton.jpg judas_priest_guitars_live.jpg judas_priest_ian_hill.jpg judas_priest_kk_downing.jpg judas_priest_nostradamus_rob_halford_live.jpg judas_priest_rob_halford_glenn_tipton.jpg judas_priest_rob_halford_metal_horns.jpg judas_priest_live_2009.jpg judas_priest_live_priest_feast_milano_2009.jpg

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!